[Social Media]

Come creare una pagina aziendale su Linkedin

Linkedin può essere considerato il più grande network professionale al mondo. E’ presente in più di 200 paesi, e conta un numero di iscritti pari a 200 milioni di cui circa 25 milioni solo in Italia. Linkedin è utile per i singoli professionisti ma anche per le aziende alle quali il network mette a disposizione delle pagine dedicate. Infatti in pochi passi è possibile crearsi la propria pagina, rendendo consultabili nell’immensa rete del network tutte le informazioni che riguardano il nostro marchio o la nostra azienda.

Creare profilo aziendale su linkedin

Per creare un profilo aziendale su linkedin, bisogna fornire un dominio email registrato e di proprietà aziendale. I domini email comuni, come gmail.com, yahoo.com, hotmail.com o altri non possono essere usati per i profili aziendali, in quanto non si riferiscono ad una singola azienda. Ora che ci siamo accertati di possedere un dominio email aziendale procediamo per completare il nostro profilo aziendale.

  • Come prima cosa collegarsi all’indirizzo: http://www.linkedin.com/ ed effettuare una registrazione compilando tutti i campi necessari.
  • Dopo aver effettuato il login cliccare su “aziende” che si trova nel menù in alto.
  • Terzo passaggio, andate sul link “aggiungi azienda” nella parte superiore destra della pagina, e digita il nome della tua azienda o del tuo indirizzo email negli appositi campi. Se l’indirizzo email è già legato ad un indirizzo di un’azienda esistente, ci verrà chiesto di cliccare sul nome dell’azienda esistente con la possibilità di modificarne il profilo. Se l’indirizzo email non è presente su linkedin, verrà inviata una mail di conferma, per attivare l’account.
  • Dopo aver confermato l’indirizzo aziendale, il network ci indirizzerà alla pagina “crea azienda” dove andremo ad inserire tutte le informazioni relative alla nostra impresa.
  • Una volta compilati i campi richiesti non ci resta che cliccare su “crea azienda” ed il gioco è fatto. Le pagine aziendali linkedin contengono una home con una testata personalizzabile, una scheda informativa, uno spazio di condivisione per pubblicare i contenuti ed una scheda per illustrare i propri prodotti o servizi. Proprio come nei social network già descritti, anche le pagine aziendali di linkedin possono avere follower; ed i membri di una pagina possono commentare i post pubblicati e restare sempre aggiornati sulle novità aziendali.

Insomma grazie al continuo evolversi dei social network che mettono a disposizione sezioni dedicate per le nostre aziende, possiamo espandere la nostra attività rendendola visibile a milioni di utenti con dei semplici passaggi.


[Personal Branding Social Media]

Edgerank e l’Indicizzazione in Facebook

Supponiamo di voler raggiungere i primi posti in Google con una pagina fan.

Facendo le dovute ricerche possiamo indicare alcuni fattori rilevanti:

  • Anzianità della pagina, più utenti ci sono e più se ne parla;
  • Quanti link si ricevono dal web;
  • A Google interessa relativamente indicizzare pagine fan di Facebook dato che ora c’è Google Plus;
  • L’anzianità serve più della parola chiave nell’URL;
  • Cerchiamo di creare pagine con “Vanity Url” più leggibile e interessante;
  • Meglio proporre una pagina attiva che poco attiva

Questa inforgrafica vi può aiutare:

how-does-facebook-edgerank-work

Cosa ne pensate?


[Personal Branding Social Media]

Come creare un profilo aziendale su Twitter.

Molte aziende ed organizzazioni hanno iniziato ad utilizzare twitter, il più celebre tra i microblog, per assistere i propri clienti e per trovarne di nuovi. Se la vostra azienda non è ancora su twitter questo articolo vi spiegherà in pochi passaggi come creare un profilo aziendale per la vostra attività.

twitter

Iscrizione e configurazione account twitter:

Come prima procedura recarsi all’indirizzo https://twitter.com/signup e proseguire con la compilazione dei campi per l’iscrizione al social. Il nome utente su twitter è limitato a 15 caratteri o meno, uno dei consigli base è quello di evitare di utilizzare trattini o sottolineature, in quanto spesso possono portare delle complicazioni col tempo per quanto riguarda la ricerca. La scelta del nome è importante. Molti privati è liberi professionisti effettuano la registrazione con “nomecognome”. La scelta logica per un’azienda sarebbe quella della propria denominazione o comunque anche il titolo dell’argomento su cui si è specializzati.

Caricare immagini per sfondo e profilo:

La maggior parte delle persone su twitter usano e preferiscono vedere l’immagine reale della persona, ma questo per i profili aziendali ha poca importanza, in quanto un account aziendale utilizza solitamente il proprio logo ufficiale o comunque un’immagine che tenga bene in vista il proprio marchio.

Anche se non è obbligatorio, avere uno sfondo su twitter cercare di personalizzarlo rendendolo più professionale, può portare ad un enorme vantaggio in termini di visibilità. Mantenere una tavolozza di colori coerenti, e che incorporano altri elementi visivi riconoscibili nel sito principale dell’azienda, aiuterà a rafforzare l’impressione generale del marchio.

Risposte e monitoraggio del profilo 

Il funzionamento del riquadro delle risposte su twitter è di fondamentale importanza, per questo bisogna tener sempre sott’occhio cosa accade nel profilo, per vedere chi interagisce con noi o ci fa delle domande. Una regola generale è quella di rispondere ai nostri followers in modo ragionevole ed in un lasso di tempo non troppo lungo, in modo da stabilire un contatto quasi diretto tra l’azienda ed il cliente. Altro consiglio utile è quello di non trascurare il profilo per troppo tempo, in quanto spesso gli utenti di twitter cercano la vostra azienda non per parlare, ma per il semplice fatto di restare sempre al passo con le novità che vengono proposte, o semplicemente per vedere ciò che viene detto sulla vostra azienda o marchio.

Dopo aver seguito i suddetti passaggi il nostro profilo aziendale su twitter è pronto per essere utilizzato.


[Coach Creativo]

CREMANO GIOVANI FESTIVAL – PRIMA EDIZIONE

 CREMANO GIOVANI FESTIVAL – PRIMA EDIZIONE

La prima edizione del Cremano Giovani Festival è un ambizioso progetto culturale nato dalla collaborazione associativa di giovani che operano da anni nel territorio di San Giorgio a Cremano, i quali condividono la passione, la volontà di far fluire musica, cultura, arte, novità ed entusiasmo nella loro terra.

Una giornata dedicata all’arte in tutte le sue forme, museo d’arte interattivo, dedicato alla valorizzazione dell’arte emergente.

L’intera organizzazione vedrà la collaborazione di diverse associazioni con competenze specifiche e un’esperienza di associazionismo “creativo”, che in questi anni hanno lavorato in una realtà che ha voglia di crescere e di confrontarsi con esperienze solide e produttive.

Sarà come visitare un museo della cultura interattiva, dove non si guarderanno solo le opere ma si assisterà alla creazione.

La prima edizione del Cremano Giovani Festival si terrà il giorno 02 giugno 2013 dalle ore 10:00 alle ore 24:00 in Villa Bruno, San Giorgio a Cremano.

Per partecipare collegarsi al sito internet dell’associazione nell’area PROGETTI: http://cremanogiovani.wix.com/index

 


[Personal Branding Social Media]

Come creare una pagina aziendale su Facebook.

Grazie al continuo evolversi dei social network, oggi è possibile dar visibilità alla propria azienda attraverso delle procedure molto semplici, le quali ci permettono di creare una vera e propria pagina aziendale con pochi e semplici passaggi. Introducendo questo tipo di attività, gli imprenditori potranno sfruttare appieno le potenzialità dei social, ed utilizzarli come strumento per rafforzare i risultati aziendali o dare valore aggiunto ad un business gratuitamente o a basso costo.

Oggi parliamo della pagina aziendale su Facebook

Ormai facebook non è più uno strumento per tenersi in contatto solo fra amici e conoscenti, è parte integrante della nostra comunicazione quotidiana. Tra le attività che possono far crescere la popolarità di un’azienda, c’è la creazione di una pagina facebook. La sua funzione principale è quella di consentire ad utenti, organizzatori, aziende e gruppi, di condividere informazioni in modo ufficiale e pubblico con i vari fan o clienti che vi si connettono.  Di seguito vedremo tutti i vari passaggi utili per la creazione di una pagina aziendale con facebook.

Come accedere a Facebook

Per la creazione di una pagina aziendale c’è bisogno di avere un account su facebook, se non si dispone di questo, la prima cosa da fare è collegarsi al sito www.facebook.com e crearsi un profilo personale inserendo nome, cognome, indirizzo e mail personale.

Come creare una pagina aziendale

La prima operazione da fare è andare all’indirizzo www.facebook.com/pages/create.php e scegliere una delle seguenti categorie proposte:

  • Impresa locale o luogo
  • Azienda, organizzazione o istituzione
  • Marchio o prodotto
  • Artista, gruppo musicale o personaggio pubblico
  • Intrattenimento
  • Causa o comunità

image001

Dopo aver dato uno sguardo alle principali categorie delle pagine, decidete quale si adatta di più al vostro business. Fate clic su una delle caselle per selezionare la categoria principale per la vostra attività, e navigate tra le categorie del menù a discesa per vedere quale si adatta meglio. Per quanto riguarda le categorie, se si vuole far riferimento ad una piccola azienda a carattere locale come ad esempio un ristorante, un negozio o attività simili, la scelta della prima categoria è quella più adatta. Se invece facciamo riferimento ad un’azienda di una certa rilevanza anche a carattere nazionale o addirittura internazionale, dovremo scegliere la seconda categoria. Se invece si voglia creare una pagina relativa ad un prodotto o un marchio la nostra scelta ricadrà sulla terza categoria.

Informazioni profilo e impostazione grafica

Ora che ci siamo creati la nostra pagina, facebook ci fa procedere alla compilazione dei campi che riguardano le informazioni, come ad esempio: contatti, missione e descrizione inserendo tutte le notizie che potrebbero interessare al cliente nella nostra attività. E’ importante comunicare da subito quale sia il servizio o l’argomento trattato dall’azienda, in modo da evitare di avere fan che non interagiscono con la nostra pagina. Infine procediamo all’inserimento dell’immagine del profilo, questo è un aspetto che invito a non trascurare in quanto essa comparirà sempre di fianco nelle nostre news feed, commenti o post che pubblicheremo. Solitamente le aziende impostano come immagine del profilo il logo aziendale con dimensioni di 180 X 180 pixel. Dopo aver caricato l’immagine del profilo comparirà a video il pannello di amministrazione dove si potrà modificare la propria pagina e monitorare l’andamento di essa. Completiamo con l’inserimento dell’immagine di copertina, che avrà misura di 851 X 315 pixel.  Anch’essa molto importante in quanto potrà essere visualizzata anche da coloro che visitano la pagina senza essere connessi a facebook, la scelta dell’immagine di copertina deve far riferimento sempre ad un qualcosa che richiami il nostro brand aziendale!

Completati tutti gli step la nostra nuova pagina aziendale di facebook è pronta per essere utilizzata. 

Nuove funzionalità per le pagine Facebook

[like_to_read]

Come già detto in precedenza facebook è in continua evoluzione e non finisce mai di stupirci, di seguito andremo a vedere alcune nuove funzionalità ancora in fase di test, ma molto interessanti.

imaginepaolo

Switch tra pagine locali e globali:

Questa nuova funzionalità risulterà molto interessante per tutte quelle aziende che devono gestire dei brand internazionali amministrando sia la pagina ufficiale del marchio ovvero quella globale, sia tutte le pagine nazionali cioè quelle locali. Il gestore della pagina è tutti i fan potranno infatti passare dalle pagine globali a quelle locali grazie all’opzione “switch region” che si trova sotto l’immagine di copertina. Questo tipo di funzionalità per ora è ancora in fase di test è può essere provata solo sulla pagina ufficiale di facebook marketing all’indirizzo: www.facebook.com/FacebookMarketingItalia

Scoprire quanti fan sono stati raggiunti con un post:

Facebook tra le tante novità ha deciso di introdurre la percentuale legata alla visualizzazione di ogni post sulle nostre pagine, in quanto ritiene che, fornendo agli amministratori delle pagine le percentuali di fan raggiunti con ogni post, questi saranno più predisposti a promuoverli. Il servizio di post sponsorizzati, che appariranno nelle news feed degli utenti, consente di ripubblicare i post rendendoli visibili solo a quegli utenti che al momento della prima pubblicazione non erano online. Grazie a questo servizio si potrà ovviare al problema legato alla visualizzazione con bassa percentuale degli aggiornamenti delle pagine, aumentandola fino al 75% in più. 

postMa facebook non è l’unico social che permette di creare una pagina o un profilo aziendale. Tra i più utilizzati ci sono  twitter e linkedin.

Prossimamente vedremo come funzionano.

[/like_to_read]

 

Voi avete una pagina aziendale? Segnalatela nei commenti (serve a diffondere il vostro brand).


[Coach Creativo]

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO GIOVANILE CREMANO GIOVANI

 ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO GIOVANILE

CREMANO GIOVANI

Chi ben inizia è a metà dell’opera.

Se diamo per scontata questa antica massima, l’inizio dell’associazione Cremano Giovani è più che incoraggiante considerate le premesse e soprattutto le pochissime forze economiche messe in campo, compensate però da grande forza di volontà e spirito di aggregazione.

La presentazione al pubblico del Cremano Giovani è avvenuta lo scorso sabato 4 maggio, all’interno della sala del Forum delle Associazioni di Villa Bruno, dove i fautori dell’associazione hanno avuto modo di far conoscere il loro progetto al pubblico presente, con tanto di obiettivi e finalità annesse.

"E’ un piacere vedere tanti giovani pieni di entusiasmo e di voglia di fare" ha detto Antonio D’Alessandro, presidente dell’associazione neonata. "Lo spirito di aggregazione è ciò che ci ha spinto a creare questa associazione, che ricordiamo essere senza scopo di lucro. Speriamo che con il vostro aiuto le cose possano andare per il meglio, abbiamo bisogno davvero del supporto di tutti per creare un qualcosa che duri nel tempo e che consenta a noi giovani di essere presenti attivamente sul territorio."

Gli fa eco la vice-presidente dell’associazione Vania Costa: "con Antonio abbiamo già creato diversi progetti, tra cui lo stesso Cremano Art Festival che lo scorso anno ha avuto davvero un grande successo di pubblico e che verrà ripresentato sotto una nuova veste il prossimo 2 giugno. Speriamo davvero di crescere giorno dopo giorno e far vedere che la nostra generazione, da sempre tacciata di accidia e pigrizia, vuole recitare un ruolo da protagonista nella società in cui viviamo."

Per partecipare a tutte le attività collegate al progetto basterà entrare in possesso della tessera associativa, con quota annuale di 5 euro, un prezzo davvero irrisorio se rapportato a tutte le agevolazioni e le iniziative a cui si potrà accedere volta per volta.

Dunque che dirvi, se siete incuriositi dall’iniziativa e avete voglia di condividere un pò del vostro tempo con noi, non esitate. Venite e iscrivetevi numerosi, insieme ne vedremo delle belle.

http://cremanogiovani.blogspot.it/2013/05/cremano-giovani-il-progetto-prende-vita.html

__________________________________________________

CREMANO GIOVANI FESTIVAL – PRIMA EDIZIONE

La prima edizione del Cremano Giovani Festival è un ambizioso progetto culturale nato dalla collaborazione associativa di giovani che operano da anni nel territorio di San Giorgio a Cremano, i quali condividono la passione, la volontà di far fluire musica, cultura, arte, novità ed entusiasmo nella loro terra.

Una giornata dedicata all’arte in tutte le sue forme, museo d’arte interattivo, dedicato alla valorizzazione dell’arte emergente.

L’intera organizzazione vedrà la collaborazione di diverse associazioni con competenze specifiche e un’esperienza di associazionismo “creativo”, che in questi anni hanno lavorato in una realtà che ha voglia di crescere e di confrontarsi con esperienze solide e produttive.

Sarà come visitare un museo della cultura interattiva, dove non si guarderanno solo le opere ma si assisterà alla creazione.

La prima edizione del Cremano Giovani Festival si terrà il giorno 02 giugno 2013 dalle ore 10:00 alle ore 24:00 in Villa Bruno, San Giorgio a Cremano.

Per partecipare collegarsi al sito internet dell’associazione nell’area PROGETTI: http://cremanogiovani.wix.com/index


[Coach Creativo]

internet informazione e pil alcuni numeri

Il Web così come lo conosciamo oggi ha “solo” 20 anni. Il 30 Aprile del 1993 il CERN decise di rilasciare gratuitamente e per tutti il World Wide Web. Una crescita esponenziale che ha fatto sì che gli utenti di Internet nel 2011 fossero più di 2 miliardi in tutto il mondo.

Diciotto anni dopo i siti internet risultano essere 555 milioni, gli account email 3,146 miliardi e l’importanza commerciale del web è testimoniata dal fatto che per ogni dollaro investito in campagne di marketing via mail il ritorno stimato sia di 44$.

La possibilità di accedere alla rete, tuttavia, risulta essere strettamente subordinata alla propria situazione economica.

Confrontando, infatti, i grafici di pil pro-capite [Dati World Bank] e penetrazione per continenti notiamo una relazione diretta tra i due indicatori.

image001  image003

In Italia ben il 15,8% [Dati Istat] tra coloro i quali non hanno accesso a Internet da casa è per motivi economici legati all’alto costo degli strumenti o del collegamento.

I sistemi operativi Windows con il 93% [Dati netmarketshare.com] schiacciano la concorrenza dei Mac che detiene solo il 5,8% di quota di mercato. Tuttavia tra i web browser Explorer, pur essendo il più scelto, risulta avere una quota di mercato solo del 39%.

image005

Nel mondo quasi un utente di internet su due ha un account Facebook, Twitter invece conta 225 milioni di iscritti che generano 250 milioni di tweet al giorno.

In Italia le famiglie che dispongono di un accesso a Internet sono il 55,5%, con un divario del 10% tra Nord e Sud, di cui solo il 48,6% mediante la banda larga.

L’esponenziale crescita economica dei BRICS lascia presupporre che questi dati tra qualche anno ci lasceranno sorridere, non ci resta che aspettare.

Gustiamoci queste infografiche selezionate da Google.


[Coach Creativo Social Media]

Edgerank: l’indicizzazione in Facebook?

Il 21 aprile 2010 durante l’F8 di San Francisco, evento organizzato da facebook per presentare tutte le novità del social network più utilizzato al mondo, è stato reso pubblico l’algoritmo edgeRank, che viene utilizzato per quantificare il grado di visibilità di una pagina o di un post pubblicato da un utente all’interno delle news feed dei nostri amici o fan. facebook grazie a questo tool mostra i contenuti della pagine in modo diverso a diverse persone, in quanto l’algoritmo riesce a memorizzare chi vede cosa e per quanto tempo, in modo da rendere il contenuto delle notizie quanto più adatto alle nostre preferenze.

L’algoritmo è strutturato su tre fattori principali: affinità, peso e tempo.

L’affinità: rappresenta l’interazione tra un utente ed un’altra estremità, che potrebbe essere una persona, un marchio o una pagina, e si basa sulle interazioni complessive che si hanno con esse. Azioni come il commento, mi piace, condivisione, click ed infine anche il semplice messaggio, possono influenzare l’affinità di un utente, e di conseguenza le notizie e gli aggiornamenti compariranno con più frequenza nella nostra home.

Il peso: è un sistema di valori creato da facebook per aumentare o diminuire il valore di determinate azioni al suo interno, così facendo alcuni contenuti hanno più probabilità di apparire nelle news feed rispetto al atri. Molto interessante inoltre è notare che il peso delle interazioni sia diverso da persona a persona; ad esempio dando un impronta alle nostre azioni con continue visualizzazioni di foto, l’algoritmo farà in modo da dar più importanza nelle nostre news feed alle foto, ma questo vale anche per visualizzazioni, click, mi piace e commenti.

Il tempo: L’ultimo elemento della struttura dell’algoritmo è il tempo, l’edgeRank per quanto esso possa basarsi sull’affinità ed il peso, i nuovi post avranno più visibilità di quelli vecchi, che generalmente spariscono dopo qualche ora. Una buona logica per far si che un post rimanga più tempo all’interno delle notizie, è quella di cercare di creare attività in correlazione di fasce orarie in cui gli utenti utilizzeranno maggiormente facebook, in modo tale da ridurre il tempo di decadimento.

La formula: L’edgeRank ci dice che ad ogni azione viene assegnato uno score che dipende da:

facebook-edgerank

U= che sta per affinity score, ovvero l’affinità che si crea tra due utenti o un utente ed una pagina. Se ad esempio l’utente 1 pubblica qualcosa e l’utente 2 visualizza quella determinata notizia, ci sarà una maggiore interazione tra i due utenti, e di conseguenza il punteggio di affinità sarà alto. Se l’utente 2 crea azione condividendo, commentando o cliccando mi piace al post pubblicato dal primo, significa che l’affinità tra i due utenti è alta, e di conseguenza il secondo utente visualizzerà più notizie dell’utente 1 sulla sua sezione delle notizie. Da sottolineare che il punteggio di affinità è di tipo unidirezionale, ciò significa che se l’utente 1 non commenta, non clicca mi piace o non condivide i post dell’utente 2, il primo  visualizzerà meno notizie sulla sua pagina.

W= che sta per weight score, ovvero il peso delle interazioni. Come abbiamo già detto in precedenza diverse azioni hanno diversi pesi su facebook. Questo punteggio misura l’importanza di una pubblicazione in termini di feedback ricevuti come ad esempio commenti, condivisioni, click e mi piace. Le notizie che ricevono maggiori feedback verranno visualizzate con maggior frequenza rispetto a quelle che ne ricevono pochi.

D= che sta per decay o recency score, rappresenta il fattore tempo. Questo punteggio e legato al tempo di decadimento della notizia, quindi più una notizia è fresca maggiore sarà il suo score e la sua visibilità.

Alcuni consigli di base per curare il vostro edgeRank potrebbero essere quello di cercare sempre di interagire con i propri fan ed amici, ad esempio delle volte, una semplice domanda potrebbe essere un buon input  per aprire una conversazione, aumentando così lo score. Azioni come la condivisione di foto e video è sempre consigliata, in quanto è più facile che un utente guardi una foto o una sequenza di immagini piuttosto che leggere un lungo articolo. Ed infine un ultimo consiglio di base è quello di non abbandonare per lunghi  periodi la vostra bacheca perché questo farebbe in ogni caso diminuire le interazioni con gli altri utenti e di conseguenza ridurre il grado di visibilità.

L’introduzione dell’edgerank senza dubbio ha aperto una nuova frontiera anche in termini di social marketing, oggi con delle tecniche ben precise e seguendo quelle che sono le regole di base dell’algoritmo, un social network come facebook può garantire ad un’impresa la visibilità di milioni di utenti che prima poteva essere possibile solo attraverso grandi manovre di marketing, affrontando costi sicuramente più elevati rispetto a quello che ci offre oggi il web con i suoi social.

 


[Coach Creativo]

Google Earth 7.1 supporterà il device Leap Motion


Con l’aggiornamento di Google Earth alla versione 7.1 viene introdotto dal colosso di Mountain View il supporto per il nuovissimo device dell’azienda Leap, il Leap Motion, che dovrebbe entrare in commercio a metà maggio.

Ovviamente l’azienda Leap ha già provveduto a distribuire, a un gruppo di sviluppatori, il kit di sviluppo dedicato in modo che al lancio del device ci sià già una vasta gamma di software in grado di farvi utilizzare al meglio il Leap Motion.

Nel frattempo grandi aziende come Autodesk, Corel e Disney sono al lavoro per integrare le API, application programming interface, di Leap Motion ma non solo anche ASUS si prepara ad un aggiornamento hardware nei suoi prodotti All-in-one per accogliere al meglio il nuovo device.

Che dire speriamo di provare al più presto questo fantastico Leap Motion per darvi una mia opinione a riguardo!


[Coach Creativo]

Instagram, guida ai filtri…

Insagram oggi è uno dei social network più visitati al mondo, infatti esso può contare migliaia di inscritti.

Instagram come tutti sappiamo consete di poche “ditate” di ottenere foto di grande qualità e di postarle sul proprio profilo condividendolo con il mondo, date le varie integrazioni con altri social network come Facebook etc etc…..

Ma su instagram troviamo moltissimi effetti da applicare alla foto i quali a volte non tutti utilizzati dai vari Instagrammers, ma come si fa a decidere quale filtro è quello giusto da applicare alla propria foto che sta per essere condivisa? Il vostro occhio riesce a decidere quale filtro è meglio per una fotografia?

In ogni caso oggi vi spiegherò come e dove applicare gli effetti instagram sulle varie foto che farete nella vostra giornata.

Filtro Amaro : il filtro Amaro indebolisce leggermente il centro della foto e aumenta l’esposizione che aggiunge luce alla foto.

Quando usare: questo filtro è l’ideale per le foto scure inoltre conferisce alla foto un look elegante e vintage. Possiamo avere lo stesso risultato lasciando la foto scura al sole per lungo tempo.

Filtro Rise: questo filtro aumenta l’esposizione in maniera esponenziale rendendo però i colori e toni caldi spostando lo spettro verso il giallo. Esso infatti dipinge tutte le foto in toni più soleggiati e più morbidi.

Quando usare: questo filtro è un ottima soluzione per le foto con primi piani ad esempio per i ritratti in cui vogliamo illuminare la rugosità della pelle.

Filtro Hudson: il filtro tende a dare gli effetti di tinte fredde e ombre incrementate. Con l’aiuto di questo filtro è possibile rendere la luce della foto più fredda e sottolinearla allo stesso tempo.

Quando usare: questo filtro è adatto per le foto di palazzi, case, etc etc…. insomma per tutte le architetture inoltre, il filtro, è adatto anche per tutte le foto scattate all’aperto.

Filtro X-Pro II: questi filtri forniscono alla foto colori vintage, alto contrasto e tonalità dorate. La foto si fa vivace, briosa e avrà toni più saturi.

Quando usare: usare per fotografare libri, bigliettini con scritte e cartelloni colorati in modo da esaltare i loro colori.

Filtro Sierra: questo filtro aggiunge effetti molto particolari che infondono un senso pacifico e rilassante.

Quando usare: usare questo filtro per foto outdoor, per panorami molto ampi.

Filtro Lo-Fi: questo filtro applicherà colori saturi e ombre alla vostra foto.

Quando usare: questo filtro viene chiamato anche filtro dei pasti perché viene sempre utilizzato per fotografare il proprio pranzo o colazione o meglio ancora gustose torte.

Filtro Earlybird: un altro filtro che renderà la vostro foto vintage, infatti renderà i colori sbiaditi e le luci soffuse sulle vostre foto.

Filtro Sutro: aggiunge effetto “spaventoso” alla tua foto dovuto all’alta concentrazione di viola e marrone.

 

Filtro Tostapane: aggiunge qualche luccichio al centro della foto e aggiunge un po’ di luce e calore alle tue foto.

Quando utilizzare: questo filtro si adatta perfettamente per le foto di serate estive, picnic e così via.

Filtro Branan : aggiunge qualche effetto metallo alle tue foto

Filtro Calamaio: effetto bianco e nero……. È semrpe in trend

Filtro Walden: conferisce alla tua foto un colore pulito con sfumature bluastre

Quando utilizzare: si può utilizzare questo filtro per foto di feste in piscina.

Filtro Hefe: questo filtro si presenta come una versione più morbida di Lo-Fi.

Filtro Valencia: aggiunge qualche effetto vintage alla foto che diventerà simile a qualche foto scattata nel 1980.

Filtro Nashville: vuoi guardare la vita attraverso occhiali rosa? Usa questo filtro!

Filtro 1977: dopo l’applicazione di questo filtro la foto diventerà stile anni ’70, un po’ sbiadita e solare.

Filtro Kelvin: le foto diventeranno più vivide, calde e sensuali