Chi sono


Hanno detto di me


Paolo Franzese un professionista, un uomo e un amico per voi e per la vostra azienda.
Preciso, affidabile e professionale disponibile h 24 per creare e potenziare la vostra immagine nel web.

— Caterina Del Pup – Web Content Curator




Paolo Franzese, folle Digital Coach creativo

Napoletano, classe 1970, mi piace quando mi definiscono un’Artista.

Sono figlio di Anna e Michele, insegnanti, due Maestri scomparsi in giovane età.

Sposato dal 2001 con Antonietta e papà di Michele, Carmine e Simone.

Mi sono diplomato nel 1989 all’Istituto Tecnico Industriale “Enrico MEDI” di San Giorgio a Cremano (NA) con una tesina su “Gestione degli Archivi informatici e Database in Pascal e Turbo Basic”.

Dipingo da sempre ma dal 1990 ho una produzione di quadri ad olio in cui si manifestano le tecniche degli artisti di cui sono stato allievo, in quel periodo produco tantissime opere e le esibisco in tre personali di pittura (agosto 1990, agosto 1991 e agosto 1992).

Sono stato allievo prima dell’artista Giuseppe Esposito 1980/83 e poi dell’artista Arturo Patanè 1987/88, in tal modo ho acquisito un segno grafico netto, curato e preciso per riversarlo sulle tonalità e sfumature di tele pregiate vendute in tutto il mondo.

Nel 1988 mi sono iscritto ed ho frequentato la Facoltà di Matematica ad indirizzo Applicativo Numerico dove affianco alla vena Artistica quella dell’Informatica e della Matematica, in tale periodo ho fissato l’attenzione agli strumenti informatici ed ho trovato in essi un validissimo supporto alla grafica.

Dal 1995 ho lavorato molto di più per la grafica ed il web seguendo tutte le fasi della crescita di Internet e producendo sin da ora siti web e meravigliosi lavori grafici.

Dal 1996 al 1998 sono stato socio fondatore della Archimedia S.n.c. Grafica Pubblicitaria ed Editoria e come direttore creativo dello studio ho realizzato varie campagne pubblicitarie e spot televisivi.

Dal 1998 al 1999 ho collaborato come grafico pubblicitario con la Avezzano S.a.s., acquisendo una notevole esperienza specifica nella prestampa offset e flexografica.

Art director e grafico pubblicitario, ho lavorato come partner con varie agenzie pubblicitarie e brand noti del wedding.

Dal 2000 sono insegnante di Laboratorio di Informatica, ora presso l’Istituto d’Istruzione Superiore Statale “Carlo Levi” di Portici (Na).

Dal 2001 al 2005 sono stato iscritto all’Associazione Italiana Pubblicitari Professionisti – TP

Dal 2001 al 2005 sono stato docente principale di Web Design presso l’ILAS.

Ho una forte presenza in quasi tutti i social network (prova a cercare @imaginepaolo).

Nel 2018 ho condotto su Radio Punto Nuovo alle 15.35 una rubrica sulla creatività, presentato da Fabiana Sera.

Oggi, con un quarto di secolo di esperienza, mi definiscono Digital Coach e aiuto professionisti e aziende nei loro progetti come consulente di Marketing e Personal Branding.

Da soli non si va da nessuna parte, i miei partner storici sono i Di Fiore Fotografi, mi accompagnano da sempre con la loro amicizia fraterna. All’occorrenza alcune consulenze vengono proposte in partnership con Giacomo Di Fiore, grande esperto del settore Wedding e Social Manager.

Sui social mi puoi seguire all’account @imaginepaolo e con l’hashtag #weareimaginers.

Guardo ciò che fai,
come lo fai
e poi ti dico cosa dovresti fare di diverso
per migliorarti in ciò che fai.

Iscriviti alla mia newsletter per ottenere direttamente nella tua mail la tua dose settimanale di Marketing Partenopeo e tutte le strategie mentali di un Digital Coach in trincea.

Chiedi anche a loro

Alcuni brand tra oltre 100 aziende, che ho aiutato a crescere.

Alcuni dei miei clienti

Alcuni brand famosi, la maggior parte di loro miei clienti dall’inizio della loro carriera. Altri clienti li trovi qui.

Chi vuoi essere da grande?

Su questo sito, sui social, sto raccontando tanto della mia Vita, se vuoi toglierti ogni dubbio non ti resta che contattarmi. Perché no?

Biografia presuntuosa

Da dove inizia il presente? Ho guardato un po’ indietro ed ho deciso di aggiungere in dettaglio il racconto retrospettivo della mia vita.

Ognuno dovrebbe scrivere un’autobiografia, aiuta tanto a capirsi.

Creare, disegnare, fare musica, le passioni emergono subito, disegnavo sempre e ovunque.
I miei genitori avevano rivestito la mia cameretta con una carta da parato appositamente per essere scarabocchiata.

Prima del 1984 non esisteva ancora l’informatica per me.
Potevo scatenare la mia energia creativa solo con il disegno, la pittura e la musica.

Iniziamo da subito con i primi riconoscimenti ufficiali, ero all’asilo, in un concorso per bambini, con un disegnino di una barchetta, conseguo il primo “Diploma di Disegno”, avevo 5 anni. Questo riconoscimento ha scatenato in me una gran voglia di disegnare.

Anni ’80 inizio a fare i primi lavori come “Grafico Pubblicitario”, con mio padre progetto e creo su ciclostile volantini, aiutato dai normografi e penne strane con punte e rotelle metalliche.

Negli stessi anni il primo impegno come “Grafico Editoriale”, realizzo per la prima volta delle illustrazioni contenute nei libri “Topografia storica di San Giorgio a Cremano” e “Guida agli organi collegiali” scritti da mio padre.

Alle scuole medie avvicino veramente l’Arte con il maestro di Educazione Artistica Giuseppe Esposito che dà di me questo giudizio: “l’alunno raggiunge risultati cromatici eccellenti”.
Mi piacerebbe ricordare che mentre il mio caro maestro Giuseppe Esposito stava eseguendo dei ritratti degli alunni, incluso me, io iniziai a ritrarre il mio maestro e alla fine gli consegnai il disegno facendolo emozionare per la precisione.

Negli anni ’80 nasce anche l’informatico.

Come “Programmatore” ho iniziato nel 1984, quando mi sono iscritto all’ITI “E. Medi” di San Giorgio a Cremano (Na) nella sezione sperimentale di informatica.
Eh si, in quegli anni l’informatica era sperimentale, eravamo agli inizi ed io già sperimentavo l’uso uso un linguaggio non ancora strutturato, utilizzo i codici macchina e le istruzioni PEEK e POKE come trucchi per videogiochi sul mio Commodore 64.
Che meraviglia, imparai che potevo “programmare” ciò che avrei visto sulla mia TV collegata al Commodore.

La mia forte capacità creativa viene attratta dall’informatica, un mondo molto affascinante.
Si inizia a delineare ciò che sarò stato nel futuro.

Per giocare al Computer dovevo crearmi i giochi da solo, non c’era altra possibilità. Con questi stimoli inizio a programmare in MS DOS Batch, GWBasic, Pascal, Turbo Pascal, Turbo Basic, C, e mi avvicino molto alla programmazione strutturata.
Negli anni in cui frequento la scuola superiore inizio già a fornire consulenze in Informatica a Ingegneri (Programmi per il Calcolo in Cemento Armato), Medici (Cardio Data Diagnosi), ed altri professionisti che iniziavano a utilizzare il Computer per i loro pazienti.
Forse è qui la scintilla che delinea la figura di consulente.

Programmavamo in gruppo, io e il mio amico Guido Damian (oggi è esperto in materia di Sicurezza Informatica e Reti) e con il gruppo GAMP (Guido, Alberto, Massimo e Paolo), eravamo hacker imbattibili.
Ricordo con simpatia quando con Norton Commander entravamo nei programmi .EXE, .COM modificandone la struttura.

Negli anni ’80 conosco i primi Apple.

Continua… (sto affilando le punte per scrivere ancora, il prossimo libro sta nascendo).