Consigliato da @imaginepaolo
Scritto da imaginepaolo
Suggerisci Modifiche

[Coach Creativo]

Come ottenere più “Mi piace” per la vostra pagina Facebook! 👍🔝

Come aumentare i nostri Fan e la visibilità per la nostra pagina?

Schermata 2016-01-05 alle 16.21.55

  • Crea un “contest a premi” per i tuoi fans, ovviamente dovrai attenerti ai regolamenti facebook, renderai la pagina molto reattiva.
  • Commenta nei vari blog pertinenti ed inserisci il link della tua pagina.
  • Cercando di capire i gusti dei tuoi fan e pubblica articoli interessanti per loro.
  • Porta il traffico sul tuo blog ciò farà alzare il tuo ranking in Google.
  • Analizza sempre Facebook Insight e i dati demografici in modo da capire cosa pubblicare.
  • Pubblica foto interessanti e articoli epici.

Consigliato da @imaginepaolo
Scritto da imaginepaolo
Suggerisci Modifiche

[Coach Creativo]

Come catturare i vostri interlocutori? Elevator Pitch🔝⬆️!

Supponiamo che vi trovate in un ascensore con a fianco il vostro sogno, un vostro probabile partner, un vostro cliente, il vostro futuro capo… etc…

Come presentereste il vostro progetto? Preparatevi un ELEVATOR PITCH.

Come comunicare un nostro progetto? Come interessare gli altri velocemente?

Iniziate a preparare strategicamente il vostro “incipit“: la vostra sintetica introduzione. Cercate di essere molto “viral“, indimenticabili, avrete circa 10 secondi la sintesi è la vostra soluzione.

In base al vostro interlocutore avrete vari tipi di “pitch”. Primo punto puntualità estrema e date una buona prima impressione, passione, positività, felicità, emozionatevi con ironia. Siate felici e comunicate il vostro entusiasmo tutte le vostre emozioni. Se riuscite a far sorridere il vostro interlocutore allora sarete indimenticabili e molto “friendly”, una persona da andare a pranzo, quando scatta l’invito allora ci siete riusciti. Passione nelle cose che facciamo e nel raggiungere gli obiettivi. Usate aneddoti “viral”, simpatici che magari il vostro interlocutore potrà condividere con altri clienti potenziali.

Presentate anche qualche successo del passato, io direi esagerate con le emozioni ma non esagerate nel presentare voi stessi.
Ovviamente non parlate sempre degli stessi successi altrimenti sarete noiosi e ripetitivi, oltre che poco credibili e poco dinamici aziendalmente.
Come parlate? Fatevi ascoltare, cercate di fare riunioni e briefing per farvi ascoltare dai vostri amici e analizzate bene come presentate il vostro “pitch”.

Segnalo questo PDF molto interessante, COME PREPARARE UN ELEVATOR PITCH di Emilio Paolucci:  http://www.i3p.it/files/ITV%20-%20Guida%20per%20il%20pitch_2014.pdf

Costruite a tavolino il vostro “elevator pitch”, progettatelo e strutturatelo bene magari seguendo anche questi suggerimenti:

Avete preparato il vostro pitch? Cosa consigliate?


Consigliato da @imaginepaolo
Scritto da imaginepaolo
Suggerisci Modifiche

[Coach Creativo]

Come ottenere traffico grazie al “passa parola”

Negli ultimi tempi Facebook, come altri social networks, offrono un ottimo campo per il Marketing Virale, questo è un tipo di marketing non convenzionale che sfrutta le capacità comunicativa di pochi soggetti per trasmettere il messaggio ad un numero elevato di utenti finali.

Per far si che un “Contenuto” della vostra pagina Facebook, Twitter eccetera diventi virale ci sono degli step fondamentali da seguire:

  1. Assicurati che il contenuto sia molto interessante e che possa andare a “colpire” l’attenzione di molti utenti;
  2. La tua pagina di Facebook, Twitter, etc… deve essere sempre attiva, pubblica notizie interessanti, informati su cose che accadono nel mondo, che possono essere perse dalla sezione news di Google, oppure con altri contenuti;
  3. Fai in modo che alcuni utenti siano dipendenti dalla tua pagina in modo che qualsiasi genere di news, foto, video, contenuto sia condiviso dall’utente che visita la pagina garantendo così da una parte la condivisione virale, il fine è espandersi sempre di più con il passaparola;
  4. Prestate attenzione alle parole chiave e tag che ci permetteranno di andare a raggiungere utenti che magari stanno cercando su Google qualcosa di inerente;
  5. Cercate di interessare le celebrità, gli influencers, innescando una loro condivisione;
  6. The last but not the least sono i contenuti che non devono diventare noiosi ad esempio ogni tanto si potrebbe postare qualcosa di divertente che faccia ridere l’utente in modo che quest’ultimo lo condivida e che i suoi amici, follower lo condividano a loro volta. Oppure avviare un contest, i concorsi sono un ottima forma di viral per la vostra pagina infatti questo attirerà l’attenzione di nuovi utenti.

Certo fare Viral Marketing di certo non è facile ma grazie a questi piccoli ma utili consigli si può arrivare ad avere sia un ottimo traffico sulla propria pagina, sia una serie di utenti che dipendono dalla pagina e condivideranno i vostri contenuti e quindi creeranno una grande quantità di traffico.


Consigliato da @imaginepaolo
Scritto da imaginepaolo
Suggerisci Modifiche

[Graphic Design]

Creare è dare forma ai propri pensieri.

Galleria di pensieri

Ecco una piccola collezione di vecchi disegni e quadri, non c’era il Web e si faceva grafica su carta, su tela.

Quando creare era l’unico passatempo.


Consigliato da @imaginepaolo
Scritto da imaginepaolo
Suggerisci Modifiche

[Coach Creativo]

Come scrivere per il tuo blog

Se abbiamo intenzione di creare un blog, per un’attività o semplicemente crearne uno che si occupi di news o qualche passione che intendiamo condividere in rete, bisogna fare attenzione a particolari che possono aiutare nella struttura e l’indicizzazione il nostro blog. La diffusione di blog in rete si sta espandendo a macchia d’olio, ma in che modo, possiamo far emergere il nostro tra milioni di utenze?

Content management:

Il termine content management in italiano (gestione dei contenuti) indica una serie di processi e tecnologie a supporto del ciclo di vita evolutivo dell’informazione digitale. Il Content management è un processo collaborativo nel senso più stretto del termine. La creazione del contenuto viene effettuata da una o più persone, ma la comunità partecipa al suo aggiornamento (formale e sostanziale) fino alla pubblicazione definitiva, dopo la quale può iniziare una fase di aggiornamento la cui durata può anche non essere limitata.

Il ciclo di vita di un’informazione può essere caratterizzato da sei passi ben definiti.

  • Creazione
  • Aggiornamento
  • Pubblicazione
  • Traduzione
  • Archiviazione
  • Utilizzo

Il sistema del content management prevede che ci siano delle figure collaborative con ruoli ben precisi come:

  • Autore principale, colui che è responsabile della creazione del contenuto
  • Curatore, chiamato anche autore secondario, si occupa dell’aspetto formale del contenuto come ad esempio stili e presentazione.
  • Editore, ovvero il responsabile della diffusione e dell’utilizzo del contenuto
  • Amministratore, responsabile della gestione delle versioni del contenuto.

Grazie al processo del content management system, e alla diffusione sempre più ampia di blog e siti aziendali, la figura professionale di content manager chiamato anche content curator sta diventando sempre più diffusa. Tale figura si occupa della progettazione del contenuto, in modo tale da dargli una struttura ricca di contenuti efficaci ed efficienti che faranno in modo da assegnare una caratteristica distintiva al nostro blog o sito. Moltissime aziende hanno capito l’importanza del content management system, proprio grazie ai grandi risultati ottenuti in poco tempo.

Attenzione ai titoli delle pagine:

<TITLE></TITLE> 

I titoli delle nostre pagine all’interno di un blog sono da considerarsi degli ottimi elementi per l’indicizzazione nei motori di ricerca, spesso vengono trascurati, e capita che ad esempio, all’interno di un sito con 1000 pagine duplicate ci siano titoli statici e non dinamici come i CMS, portando i motori di ricerca, ad esempio Google a considerare la maggior parte di questi contenuti duplicati, e non presentati nella SERP (Search Engine Results Page).

Qual è la soluzione?

Per rendere il nostro blog appetibile ai motori di ricerca, una buona soluzione è di cambiare i titoli di tutte le pagine, in modo da personalizzarlo al massimo. Con questo semplice suggerimento vedremo il nostro blog scalare le classifiche nei motori di ricerca, ponendosi ai vertici. Come abbiamo già detto curare il titolo di una pagina aiuta ad avere una buona SEO, ma non solo i titoli delle pagine sono importanti. La condivisione di un semplice post, con il titolo giusto, può avere la forza di attirare le persone che navigano a leggerlo e quindi automaticamente dar maggior visibilità ed importanza al blog.

Pagine e post che titoli usare?

 

Adesso andremo a vedere delle regole di base da seguire assolutamente per la scelta di un buon titolo:

  • I lettori avranno un vantaggio nel leggere l’articolo: coinvolgere e far intendere ai lettori che la lettura di quella pagina o di quel post può portare a dei benefit futuri.
  • Creare un dibattito: questa tecnica non è praticabile ad ogni post, ma il dibattito ha sempre coinvolto le persone per lo meno a leggere il post.
  • Fare una domanda: la pubblicazione di post con delle domande, stimolano il lettore a leggerlo.
  • Personalizzare il titolo: l’utilizzo di affermazioni come un “si” o l’utilizzo di caratteri speciali rendono un post personalizzato e unico.
  • Parole chiave: utilizzare keywords per le nostre pagine, aiuta il blog ad essere facilmente rintracciabile nei motori di ricerca.
  • Usare parole forti: per aiutare il nostro post o la nostra pagina ad avere un impatto sui lettori, l’utilizzo di parole forti come: “libero” “attenzione” possono contribuire a destare maggiore interesse.
  • Attenzione ai titoli folli: nella scelta di un titolo, bisogna fare attenzione a non esagerare sia per quanto riguarda ad l’utilizzo di parole forti, sia per quanto riguarda l’utilizzo di humor, questi possono generare un disinteressamento da parte dei lettori.

Consigliato da @imaginepaolo
Scritto da imaginepaolo
Suggerisci Modifiche

[Coach Creativo Personal Branding Web Design]

jQuery Responsive Collection

Il futuro del Web è un Design Responsive (reattivo).

Un sito Responsive deve essere in grado di adattarsi ai vari Browser, dobbiamo cimentarci nella creazione di un sito Responsive se vogliamo aumentare la visibilità. La creazione di un Sito Web dal design reattivo sta diventando sempre più facile, ci sono tanti modi per farlo e oggi vi segnalo questa collezione di jQuery per semplificare il lavoro.

jQuery Responsive

Breakpoints.js

xocxo

FitText.js

fittest

Response.js

res

TinyNav.js

tyni

Isotope.js

article-responsive1

Qui (chiedo solo un “mi piace” per proseguire la lettura) una serie di links da non perdere, temi da scaricare gratis e tutorials gratuiti per approfondire l’argomento:

[like_to_read]

[/like_to_read]

Cosa ne pensate?


Consigliato da @imaginepaolo
Scritto da imaginepaolo
Suggerisci Modifiche

[Coach Creativo]

Web Design Smart

smart

Il web design è in continua evoluzione e di conseguenza anche i siti delle aziende sono in continua evoluzione, oggi siamo arrivati al punto che il sito non è più strutturato per l’azienda ma sicuramente ottimizzato per l’utente che lo visita.

Infatti l’utente deve essere intrattenuto in meno di 3 secondi e affascinato dal sito in cui sta navigando portandolo ogni giorno a ritornare sul sito in questione.

“l’utente deve visitare il sito, restare a visitare il sito e ritornare a visitarlo”

È proprio da qui che nasce l’idea di un sito web dallo Smart Design, che si adatti all’utente e non più all’azienda come una volta. Lo Smart Design deve produrre un sito intelligente con design accattivante e stimolante che deve incuriosire l’utente che vi naviga, ma il sito deve rispettare alcune regole fondamentali, come quella della velocità di navigazione e di semplicità di letture e comprensione.

“velocità e semplicità”

Infatti siti con grafica aggressiva o studiati per l’advertising invece che per la disponibilità di contenuti, portano a risultati molto deludenti in quanto gli utenti abbandoneranno il sito dopo pochi secondi di navigazione.

Molto spesso ai siti vengono concessi pochi secondi per comunicare con l’utente un’emozione oppure un interesse e se il sito non è abbastanza smart da proporgli dei suggerimenti che possono interessare/incuriosire l’utente chiuderà la finestra, click e siamo fuori.

Questo porta un risultato molto negativo perché il sito di un azienda deve intrattenere e catturare l’attenzione dell’utente senza lasciarlo uscire dal sito perché magari un giorno l’utente che passa può oppure potrà essere un potenziale cliente.


Consigliato da @imaginepaolo
Scritto da imaginepaolo
Suggerisci Modifiche

[Coach Creativo]

John Maeda: Le dieci leggi della semplicità.

John Maeda è un designer, insegnante e batterista statunitense. Attualmente ricopre il ruolo di Preside presso la Rhode Island School of Design.

Le dieci leggi della semplicità.

1 RIDUCI

Il modo più semplice per conseguire la semplicità è attraverso una riduzione ragionata.

2 ORGANIZZA

L’organizzazione fa sì che un sistema composto da molti elementi appaia costituito da pochi.

3 TEMPO

I risparmi di tempo somigliano alla semplicità

4 IMPARA

La conoscenza rende tutto più semplice.

5 DIFFERENZE

La semplicità e la complessità sono necessarie l’una all’altra.

6 CONTESTO

Ciò che sta alla periferia della semplicità non è assolutamente periferico.

7 EMOZIONE

Meglio emozioni in più piuttosto che in meno.

8 FIDUCIA

Noi crediamo nella semplicità.

9 FALLIMENTO

Ci sono cose che non è possibile semplificare.

10 L’UNICA

Semplicità significa sottrarre l’ovvio e aggiungere il significativo.

Cosa ne pensate?

 


Consigliato da @imaginepaolo
Scritto da imaginepaolo
Suggerisci Modifiche

[Coach Creativo]

Voi Usate Il jParallax???

diagram

Il jParallax trasforma nodi in strati posizionati in modo assoluto che si muovono in risposta al mouse. A seconda delle loro dimensioni questi livelli si muovono a velocità diverse, in una sorta di modo parallelo.

Con un po’ di CSS è possibile creare finestre per vedere attraverso questi strati, oppure lasciarli liberi di vagare in giro per la pagina HTML.

 

Questo plugin esiste già da un paio di anni solo adesso sta venendo fuori dalle pagine internet.

Si può ipotizzare che questo sia dovuto allo sviluppo dei browser web che solo negli ultimi tempi si sono aggiornati in maniera davvero esponenziale andando a superare ogni aspettativa.

 

Ciò ha fatto si che anche il web design si evolvesse in qualcosa di spettacolare che impressiona anche il singolo utente di passaggio sul vostro sito.

 

Ecco un semplice esempio di jParallax http://www.ristorantemartella.it/


Consigliato da @imaginepaolo
Scritto da imaginepaolo
Suggerisci Modifiche

[Coach Creativo]

jQuery Countdown

jquery_countdown_clock

Da tempo sono approdati sul web gli jQuery Countdown ma cosa sono?

Già dal nome si può capire che è un conto alla rovescia che lavora tramite jQuery che altro non è che una libreria Javascript veloce e concisa che semplifica il “movimento” del documento HTML, la gestione degli eventi, l’animazione e le interazioni Ajax per lo sviluppo web rapido.

 

Questi jQuery Countdown posso essere usati per qualsiasi avvenimento ad esempio:

sul vostro sito sta per aprirsi una nuova sezione? con il counter potrete creare fermento nei vostri utenti magari anche mettendo in rete rumor per creare attesa; inserirlo in una pagina di coming soon; oppure in una pagina di download; oppure creare un evento e inserire questo countdown e tante altre applicazioni basta avere le idee giuste!

 

Nel web si trovano tante versioni free e alcuni siti che producono articoli jQuery, ovviamente personalizzati, e li propongono per pochi dollari.

 

Ecco alcuni siti che propongono top 10 di jQuery Countdown sia free che a pagamento:

 

http://www.tripwiremagazine.com/2012/11/jquery-countdown-scripts.html

 

http://freebiesdesign.com/31-cool-jquery-count-down-script/#.UPWTyKEjiuk

 

http://creativecan.com/2012/10/jquery-countdown-timer/

 

http://www.jquery4u.com/image-scripts/10-awesome-jquery-count-scripts/


Consigliato da @imaginepaolo
Scritto da imaginepaolo
Suggerisci Modifiche

[Coach Creativo]

Arte & Diseño Argentino en Italia – “Una finestra commerciale e culturale in Italia per l’arte ed il design argentino”

Dal 2 maggio al 2 giugno 2012 nella splendida cornice della città di Torino presso il Museo Regionale di Scienze Naturali si potrà ammirare in un unico evento il progetto Arte & Diseño Argentino en Italia  – Arte & Design Argentini in Italia.

L’evento, promosso dal Ministero degli Affari Esteri Argentino, dall’Ambasciata Argentina in Italia, con il patrocinio del Comune di Torino, della Camera del Commercio e la Regione Piemonte, ha come obiettivo primario la divulgazione dell’arte e del design argentino attraverso una mostra e varie iniziative che creeranno una vera e propria piattaforma di dialogo tra l’Argentina e l’Italia, due paesi da sempre legati da affinità sociali e culturali.

L’evento sarà composto da due sezioni: DesignAbroad, curato da Creatività Etica e Contemporary Art Abroad curato da Massimo Scaringella e Lic, Lìa Cristal, all’interno delle quali sarà possibile ammirare la meravigliosa natura dell’arte e del design argentino, individuando quegli elementi di raccordo con le estetiche ed i concetti della creatività italiana.

Il progetto vuole creare una vera e propria collaborazione fra le istituzioni locali ed i principali attori del progetto, a tale fine si creeranno una serie d’incontri tra i partecipanti argentini ed i differenti protagonisti dei settori arte e design italiano.

DesignAbroad, attraverso le cinque diverse specializzazioni del Design, Grafica, Industriale, Moda, Gioielleria e Audivisivo, creare un ponte tra Torino e Buenos Aires. Dalle nuove leve del design, a Designers di fama internazionale, si mostrerà al pubblico, in modo totalmente interattivo ed originale l’intero processo  “creativo” partendo dall’ideazione fino alla produzione del prodotto.

Contemporary Art Abroad, vuole dare la possibilità al pubblico di Torino, così vicino all’Argentina, di ri-trovarsi con l’arte contemporanea sia attraverso artisti di fama internazionale che a giovani talenti. Per quanto ampia possa essere una mostra non potrà mai essere esaustiva di una ricerca in continua evoluzione. Per questo si è cercato in questa presentazione di evidenziare alcuni percorsi, una campionatura che racconti di certe tendenze, di vicinanze tematiche, sia pittoriche che non, ma anche di alcune ricerche marginali dal punto di vista concettuale che forniranno allo spettatore la base per un suo personale percorso ideale attraverso i molteplici linguaggi del contemporaneo.

Le opere presenti in questa mostra segnano quindi un percorso possibile nella realtà artistica del paese, mostrando insieme ad artisti di chiara fama sia nazionale che internazionale  e alcune  giovani promesse che lasciano ben sperare per un loro futuro e in grado di produrre opere di ottimo livello.

SCHEDA TECNICA:

Titolo: Arte & Diseño Argentino en Italia  – Arte & Design Argentini in Italia

Opening: Mercoledì 2 maggio 2012, ore 18:00

Periodo: 3 maggio – 2 giugno 2012-04-10

Sede: Museo Regionale di Scienze Naturali – Via G. Giolitti, 36 – Torino

Orari: Tutti i giorni: 10 – 19 – Chiuso il martedì
Tel. 011 4326365

Organizzazione: Glocal Project Consulting

Artisti: Carolina Antoniadis |Gala Berger | Fabian Burgos | Ana Casanova | Sybil Cohen | Betto de Volder | Veronica di Toro | Roberto H. Elia | Rosana Fuertes | Ana Gallardo | Cecilia Ivancevich | Itamar Hartawi | Graciela Hasper | Eduardo Hoffmann | Magdalena Jitrick | Daniel Kiblinsky | Jorge Macchi | Valeria Maculan | Gian Paolo Minelli | Debora Pruden | Martin Reyna | Pablo Rojas | Pablo Rosales | Miguel Rotschild | Mariela Scafati | Pablo Siquier | Elisa Strada

e una selezione di artisti argentini che vivono in Italia: Carla Bertone | Karina Chechik | Ines Fontenla | Mirta Gontad | Miguel Mitlag | Ernesto Morales | Eduardo Pla | Fernanda Veron

Designers: Carina Juan | Cohan Design Group | Eduardo De Crisci | Fabiola Brandan | Fly Interactive | Fosko | Furia Films |Gabriela Horvat | Hernán Fretto | Indarra | Jimena Anastacio | Juana Maraña | Ladrón de Guevara | Langg |Lisobono | Lorenzo Shakespear Design | Lucrecia Sonnet | Natacha Morales | No Lines | Phenomenna | Que!diseño | Quier | Shango Films | Steinbranding | Tamara Lisenberg | VacaValiente

Designer Grafici: Carina Juan | Lorenzo Shakespear Design  | No Lines | Phenomenna

Designer Industriali: Cohan Design Group | Fosko | Hernán Fretto | Que!diseño | VacaValiente

Stilisti: Eduardo De Crisci | Fabiola Brandan | Indarra | Jimena Anastacio | Ladrón de Guevara | Langg |Lisobono | Lucrecia Sonnet | Natacha Morales | Quier

Designer Audiovisi: Fly Interactive | Furia Films |Shango Films | Steinbranding

Gioielleria Contemporanea: Gabriela Horvat | Juana Maraña | Tamara Lisenberg

Ufficio Stampa Contatti: Micol Di Veroli – micoldv@gmail.com – +39 339 8467653

Ulteriori informazioni: www.creatividadetica.org