[Trends]

Apex Legends: Rivale di Fortnite o Successo passeggero?

Apex Legends è apparso dal nulla, nessuno sapeva dell’esistenza di un simile progetto, niente trailer, annunci o altro.

Viene pubblicato su PS4 Xbox One e PC il 4 febbraio 2019 e riceve subito un enorme successo, più di 10 milioni di giocatori in meno di una settimana, praticamente un record…

Apex Legends, a cosa è dovuto questo inaspettato successo?

Partiamo dal gioco in sé….

Apex Legends è stato sviluppato dalla Respawn Entertainment®, ovvero i creatori di Titanfall (gioco premiato per le sue incedibili meccaniche di gioco ma che non ha avuto il successo che meritava), che ha saputo creare un battle royale innovativo e accattivante.

Respawn ha fuso in Apex tutte le caratteristiche migliori degli ultimi videogiochi di successo come Overwatch, Titanfall, Rainbow six siege e ovviamente Fortnite.

Quindi Apex Legends è un mix di più giochi senza nulla di originale? Assolutamente NO!

Apex introduce tantissime novità nel mondo dei battle royale come la possibilità di recuperare il “banner” di un compagno di squadra eliminato per farlo tornare in partita, la generazione casuale di una zona ad alto livello di loot*, le leggende, e per finire il sistema dei “campioni”.

Ovviamente stiamo parlando di un free-to-play** e quindi di micro-transazioni***, ma Respawn ha saputo gestire la questione nel migliore dei modi… come?
Con la protezione sfortuna!
Un sistema che assicura ai giocatori di Apex almeno un oggetto di rarità leggendaria ogni 30 casse(le prime 45 sono gratis), oltre a questo la possibilità di trovare un doppione è stata ridotta allo 0% e ovviamente gli item non assicurano nessun vantaggio in gioco, sono puramente estetici.

Ma il vero punto forte di Apex è l’innovativo sistema di comunicazione in gioco, un sistema rapido e auto-tradotto, basta solo un tasto per comunicare alla tua squadra la posizione di un nemico, chiedere munizioni, armi, scudi, medikit, un mirino ecc.
Fatta la richiesta tramite il pulsante dedicato il personaggio farà una comunicazione alla squadra con il suo doppiaggio in lingua inglese e ad ogni compagno di squadra appariranno i sottotitoli nella rispettiva lingua… veloce e universale.

Ma come è possibile che Apex stia avendo questo incredibile successo?

È semplice, grazie ad una nuova idea di marketing…
ovvero quella di non fare marketing…

Respawn non è mai stata fortunata con Titanfall che nonostante la sua validità non è mai stato preso troppo in considerazione a causa di titoli “grandi” e famosi come Call of Duty.
Quindi hanno deciso di nascondere questo progetto a tutti fino al lancio ufficiale, ed ha funzionato!
Respawn ha avuto ciò che ha sempre meritato, Apex Legends è un battle royale eccezionale con il miglior sistema di shooting e movimento mai creato (ovvero quello di Titanfall), nuove meccaniche che aumentano la curiosità dei giocatori e che rendono ogni singola partita diversa, divertente e impegnativa.

Oggi (17/02/2019) il gioco conta più di 25 milioni di giocatori e continua a crescere così velocemente da spingere Epic Games® a pubblicare annunci pubblicitari per far tornare i giocatori su Fortnite che con i suoi “concerti esclusivi” non riesce a mantenere alto l’interesse.

Quindi si, Apex ha tutte le carte in regola per fare concorrenza a Fortnite che in meno di 2 settimane ha perso il trono dei battle royale.

  • * La parola “loot” rappresenta lazione che compiono i giocatori quando raccolgono oggetti, quindi una zona ad “alto livello di loot” significa zona in cui è possibile raccogliere oggetti rari e in grande quantità.
  • ** I free-to-play sono giochi gratuiti nel quale è possibile fare acquisti di tipo stilistico per l’avatar o per ricevere vantaggi in gioco.
  • *** le micro-transazioni indicano la possibilità nei giochi di acquistare pacchetti (anche a poco prezzo) contenenti oggetti stilistici per l’avatar o vantaggi in gioco.

– Samuele Alboretti (Yvelat) 17/02/2019



Consiglio del di @imaginepaolo, a cura di imaginepaolo - Suggerisci Modifiche


Paolo Franzese

Vorresti Seguire un Seminario con Paolo Franzese?

Segui i miei consigli anche su Telegram.

Oppure Iscriviti Alla Newsletter

Lascia un commento

Questo articolo è stato postato in Trends. Conserva questo link.