Consigliato da @imaginepaolo
Suggerisci Modifiche

[Web Design]

Cosa sono i Feed RSS?

ipwebdesign_rssFonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Really_simple_syndication

RSS (acronimo di RDF Site Summary ed anche di Really Simple Syndication) è uno dei più popolari formati per la distribuzione di contenuti Web; è basato su XML, da cui ha ereditato la semplicità, l’estensibilità e la flessibilità.

RSS definisce una struttura adatta a contenere un insieme di notizie, ciascuna delle quali sarà composta da vari campi (nome autore, titolo, testo, riassunto, …). Quando si pubblicano delle notizie in formato RSS, la struttura viene aggiornata con i nuovi dati; visto che il formato è predefinito, un qualunque lettore RSS potrà presentare in una maniera omogenea notizie provenienti dalle fonti più diverse.

Fonte: http://www.senato.it/guida/126846/126847/genpagspalla.htm

I feed RSS rappresentano un alleato prezioso per coloro che desiderano tenersi costantemente aggiornati, raccogliendo informazioni da diversi siti. Se, ad esempio, ci si collega spesso a siti che pubblicano notizie di attualità, con i feed RSS si possono raccogliere rapidamente, in un’unica “finestra”, tutte le notizie più recenti. Queste appaiono normalmente in forma breve, con un titolo e poche righe di testo. Per approfondire, si può cliccare sul collegamento ipertestuale (“link”) che rinvia alla pagina con il testo completo.

Per utilizzare i feed RSS è necessario:

  • che il sito di proprio interesse pubblichi le novità in formato RSS (spesso la presenza di RSS viene segnalata da un simbolo come quello pubblicato in questa pagina);
  • un “aggregatore” di RSS. Quest’ultimo può essere un software che va installato nel proprio personal computer oppure una applicazione condivisa in Rete. Va segnalato che le versioni più recenti dei browser (cioè il software che si utilizza normalmente per navigare in Rete, come Internet Explorer e Firefox, Opera, Safari) hanno integrato gli aggregatori al proprio interno.

Di seguito alcuni link per approfondire l’argomento:

Cosa ne pensi?