Consigliato da @imaginepaolo
Suggerisci Modifiche

[News Social Media]

Lavorare grazie a Facebook!

La reputazione virtuale sta sorpassando quella reale, io direi che nella realtà possiamo mentire ma su Facebook NO!

Facebook Timeline il nuovo curriculum vitae.

Oggi molte aziende reclutano personale anche da Facebook, il “social network” pieno di risorse umane insieme a Twitter.

Ecco adesso la Timeline di Facebook che lascia trasparire molto degli utenti. Le aziende osservando la vostra Timeline potrebbero chiamarvi per un colloquio di lavoro. Con la Timeline potete offrire le vostre competenze, farvi conoscere velocemente, trovare un lavoro, semplicemente continuando a fare quello che fate ogni giorno, postando quello che siete.

Tutti sanno fare qualcosa, fatelo sapere in giro e troverete qualcuno interessato alle vostre attività.

Ovviamente se decidete di non rendere visibile la vostra Timeline difficilmente potreste anche trovare lavoro, ma se rendete più pubblico il vostro profilo potreste essere aiutati da Facebook a trovare un lavoro.

Facebook può portarvi il lavoro a casa o può fornire alle aziende le risorse umane che cercanon, Facebook per il reclutamento del personale, oggi è una vera e propria tendenza.

Cosa potrebbe interessare alle società che cercano personale su Facebook? Come dovete presentarvi? Ecco alcuni trucchi:

  1. fornire un livello di accesso pubblico alla propria bacheca;
  2. una bella linea temporale può fornire informazioni utili alle aziende che cercano personale;
  3. la timeline può far percepire la vostra stabilità emotiva;
  4. potete comunicare la vostra apertura mentale e il vostro attaccamento al lavoro;
  5. se avete un elevato numero di contatti su Facebook potete lasciar trasparire socialità e dinamicità ma anche egocentrismo!

Se avete necessità di personalizzare la vostra Timeline vi allego dei link interessanti per trarre suggerimenti grafici utili:

Oppure non esitate a contattarmi. Facebook ed i social networks per i nuovi curriculum, voi cosa ne pensate?

Cosa ne pensi?